Come fare il pangrattato con il vostro mulino

Come fare il pangrattato con il vostro mulino

Come fare il pangrattato con il vostro mulino

Il pan grattato è un pane secco grattugiato, usato soprattutto per impanare. In italiano la sua denominazione è semplice ma il suo uso è molto versatile. Potete usarlo per impanare, farcire o legare le salse o i canederli o come contorno, in forma piccante o dolce. Ci sono anche ricette di pane per le quali è necessario usare “pane vecchio” macinato. Questo non solo conferisce un buon gusto al pane fatto in casa, ma lo mantiene anche più fresco più a lungo legando l’umidità.

Ma sapete come si definisce la qualità del pane o dei panini da cui ricavate il pangrattato? Proprio come con il pane fatto in casa: stabilite la qualità solo se lo fate a casa propria con il pane secco che avete. In questo caso è proprio un Mulino per cereali di Salisburgo che fa al caso vostro. Preparatevi il pangrattato a casa vostra

Per il vostro pangrattato fatto in casa, è meglio utilizzare pane che avete preparato voi stessi, ovviamente con farina integrale. È importante che il pane non contenga troppo olio. Tagliatelo a pezzetti. Da un lato, il pane si secca più velocemente e, dall’altro, può scivolare più facilmente dalla tramoggia del vostro mulino per cereali alle macine. Se non avete abbastanza tempo per far seccare il pane, potete semplicemente rimuovere l’umidità mettendolo nel forno.

Ora potete macinare i pezzi di pane essiccati con il vostro mulino per cereali di Salisburgo. Probabilmente potrebbe essere necessario spingere cautamente i pezzetti di pane verso l’ingresso della camera di macinazione.

Grazie all’impostazione fine-grossolana dei nostri mulini, potrete produrre non solo farina in diversi gradi di finezza, ma anche pangrattato. A seconda dell’uso che ne farete, potrete ottenere pangrattato molto grossolano o molto fine.

Abbiamo un’altra fantastica ricetta di canederli dolci alle prugne per voi. Potrete preparare voi stessi il pangrattato che vi serve con il vostro mulino per questa ricetta. E ovviamente, a seconda della stagione, potrete riempire gli gnocchi anche con qualsiasi altra frutta di stagione.

Vi auguriamo una buona settimana e a presto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Carrello
Torna su