Ma dove va a finire il pane non venduto?

In molti paesi ricchi, la sovrabbondanza di cibo causa uno spreco di grandi quantità di cibo ancora commestibile che finiscono nella spazzatura. Il pane e i dolci sono tra i più frequentemente gettati via. Quali sono le ragioni per questo spreco? In questo articolo troverete la risposta: Perché si butta via così tanto pane?

Nell´articolo di oggi scoprirete cosa succede a tutto il pane e i prodotti da forno che non vengono venduti.

Allora: dove finisce il pane invenduto?

Un modo per molte panetterie e supermercati di farlo è quello di passare la merce in eccesso a terzi , come alle organizzazioni caritatevoli. Tuttavia, la sfida stá da un lato nel margine di regole legali da rispettare, associate ad un grande investimento di tempo, e dall’altro lato nella responsabilità di garantire la sicurezza alimentare, che deve essere sostenuta dalle panetterie e dai supermercati.

Queste sfide portano spesso molte panetterie e panifici ad utilizzare il proprio “pane avanzato” come ingredienti per nuove ricette. In genere, il pane invenduto viene essiccato, schiacciato o trasformato in sciroppo di pane.Ma dove va a finire il pane non venduto?

Il pane e i dolci avanzati vengono anche spesso trasformati in mangime per animali. Gli acquirenti sono poi – a seconda delle dimensioni dell’azienda agricola che hanno pane in eccesso – agricoltori regionali o produttori di mangimi commerciali. Purtroppo non esistono dati certi riguardo gli eccessi di pane che vengono prodotti annualmente. Perciò non è possibile calcolare esattamente la quantità di pane usata per la produzione di mangimi.

Un altro (e l’ultimo menzionato qui) modo di usare pane e prodotti da forno che non vengono venduti è quello di gettarli nellaspazzatura o farli reciclare negli impianti di gas biologico. “Lo smaltimento dell’energia da parte delle aziende di riciclaggio comporta spese per le aziende di panetteria che dipendono da vari fattori come le quantità raccolte o la distanza tra le aziende di panetteria e gli impianti di biogas – a differenza della vendita di prodotti di panetteria in eccesso agli agricoltori o ai produttori di mangimi commerciali.[1]

Si può quindi dire che il pane e i dolci non venduti possono essere utilizzati e lavorati in vari modi. Tuttavia, il pane e i dolci riutilizzati rappresentano purtroppo solo una piccola parte della merce di pane non venduta. La maggior parte finisce nella spazzatura.

Potete scoprire quale contributo potete dare voi in casa vostra, in modo da non dover buttare via il vostro pane in questo articolo: Idee per il pane avanzato

 

Riferimento

https://www.wwf.de/fileadmin/fm-wwf/Publikationen-PDF/WWF-Studie-Unser-taeglich-Brot_Von-ueberschuessigen-Brotkanten-und-wachsenden-Brotbergen_102018.pdf

[1] https://www.wwf.de/fileadmin/fm-wwf/Publikationen-PDF/WWF-Studie-Unser-taeglich-Brot_Von-ueberschuessigen-Brotkanten-und-wachsenden-Brotbergen_102018.pdf, P. 21

Cioè: dove va il pane non venduto?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *