Pane prodotto industrialmente

Se il pane non viene cotto a mano dai panettieri, ma viene prodotto in serie nelle fabbriche, è ovvio che con le macchine è molto più veloce e anche standardizzato. Per produrre ora anche i pani in modo quasi “perfetto, come se fossero fatti a mano”, gli additivi possono renderlo possibile.

Secondo il professore di pane Hr. Jahreis dell’Università di Jena, non è dannoso per la salute, ma spesso non è necessario.

Nell’intervista rilasciata a “der Welt”(www.welt.de) afferma che i legislatori non consentirebbero l’uso di sostanze preoccupanti.

Gli additivi aggiunti ai pani comprendono, ad esempio, il siero di latte in polvere. Rende il pane più gustoso e contribuisce a dare una doratura “innaturale” alla crosta. L’estratto di malto o lo zucchero couleur vengono utilizzati anche per colorare di marrone i pani bianchi, in modo da scambiarli per pani integrali. Un altro esempio è la vitamina C in polvere, che può essere utilizzata per rendere l’impasto più morbido.

La questione non è se questi additivi siano o meno dannosi per la salute, ma se il consumatore non venga ingannato nel credere che il pane prodotto con farina bianca sia un pane integrale di valore.

Se volete andare sul sicuro e avere un pane sano e completamente privo di additivi, potete solo rivolgervi a un panettiere di fiducia o macinare la vostra farina con il vostro mulino per cereali di Salisburgo e cereali biologici e preparare voi stessi del pane fresco naturale.

Fonti:

Die Wahrheit über das Geschäft mit dem gedopten Brot – Wie steht es um unser wichtigstes Nahrungsmittel?

https://www.welt.de/wirtschaft/article149413301/Was-alles-in-unserem-taeglich-Brot-steckt.html

http://eatsmarter.de/ernaehrung/lebensmittelzusatzstoffe/mehlbehandlungsmittel

Carrello
Torna su