Semi di lino: il piccolo tuttofare

Già nell’età neolitica, il lino non era solo coltivato come pianta utile e trasformato in tessuti, ma era anche visto come una medicina. Oggi i semi di lino possono svolgere un ruolo significativo per uno dieta sana ed equilibrata giocare. Possono anche avere effetti benefici su una serie di malattie diverse. Ciò sembra essere dovuto principalmente al contenuto relativamente elevato dei seguenti tre ingredienti:

  • acidi grassi omega-3 polinsaturi: acido alfa linolenico (ALA)
  • Fibra
  • Fitoestrogeni: lignani

Il consumo di cibi ricchi di acidi grassi omega-3 potrebbe essere correlato al Riduzione del rischio di malattie cardiovascolari così come il Mantenere le capacità cognitive In piedi. La fibra nei semi di lino ha un effetto positivo sulla digestione. Con una sufficiente idratazione (acqua e altre bevande non zuccherate) funzionano digestivo . I lignani sono sostanze vegetali secondarie che appartengono al gruppo dei fitoestrogeni. Puoi antinfiammatorio, antiossidante (= protezione dallo stress ossidativo) , antimicrobico (= inibendo la crescita di microrganismi (es. batteri)) e neuroprotettivo (= Protezione delle cellule nervose da difetti strutturali / funzionali) Effetti comportare. Indagini [1] ha dimostrato che il consumo di semi di lino con effetti di regolazione della pressione sanguigna correlati pure effetti positivi oltre alla terapia del cancro al seno portato con sé. Semi di lino: il piccolo tuttofare

Il guscio dei semi di lino protegge gli ingredienti importanti: anche gli acidi grassi omega-3 sensibili al calore possono resistere alle alte temperature. Tuttavia, non possiamo assorbire le preziose sostanze nei semi di lino interi. Poiché i semi di lino spesso non vengono schiacciati a sufficienza da una masticazione accurata, è consigliabile macinare i semi. Sarebbe meglio mantenere intatto, beh comprare tutti i semi di lino – i piccoli tuttofare – e macinarli solo a casa o per spremere. Del Maestro di fiocchi di Salisburgo è l’ideale per questo. In nessun caso i semi devono essere macinati con un mulino per cereali di Salisburgo: l’elevato contenuto di olio fa sbavare le macine!

È meglio conservare i semi di lino tritati in un contenitore in frigorifero per lungo tempo senza alcuna perdita di qualità. Uno consiglia Consumare 1-3 cucchiai di semi di lino macinati al giorno . Non dimenticare di bere abbastanza. Poiché i semi hanno un sapore leggermente nocciolato, ma sono ancora neutri, possono essere somministrati a qualsiasi pasto. Ad esempio su muesli, piatti piccanti, in insalata, ma anche cotti nel pane o usati per addensare salse.

credenziali

Münzing-Ruef, I. (2000): Libro di testo mangiare sano. La cucina come farmacia della natura. Monaco di Baviera: Wilhelm Heyne Verlag, 459-461

Rittenau, N. (2019): Addio cliché vegano! Risposte scientifiche a domande critiche sulla nutrizione vegana. Magonza: Ventil Verlag UG & Co. KG, 335-337

https://www.dge.de/wissenschaft/weitere-publikationen/fachinformationen/sekundaere-pflanzenstoffe-und-ihre-wirkung/#c1697

[1] https://www.ahajournals.org/doi/full/10.1161/HYPERTENSIONAHA.113.02094 e

https://clincancerres.aacrjournals.org/content/11/10/3828

Quello era: Semi di lino: il piccolo tuttofare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Carrello
Torna su